Per utilizzare il sito devi attivare javascript nel tuo browser, verrai ora reindirizzato a una guida che ti consente di risolvere questo problema.

COMUNICAZIONE IMPORTANTE PRESIDENTE ANSDIPP

Cari Colleghi, 

stiamo vivendo veri momenti di emergenza, che per noi dura da tempo, ma che a livello mediatico sembra emergere solo da una settimana o quasi. Questo perchè sui giornali vi sono le evidenze sulle ispezioni, sulle denunce a carico di alcune Strutture, indicanti cattive gestioni e inosservanze delle disposizioni regionali o delle Aziende sanitarie locali. 

In altri tempi cose già viste nella loro dinamica. E' successo, talvolta, in relazione ai maltrattamenti, eclatanti, accaduti in qualche Struttura per Anziani (oltre a qualcuna per Disabili o Minori) , con giusti interventi di Finanza, Carabinieri e Magistratura. Ma a livello prettamente mediatico, ogni volta, le Strutture, e quindi le Direzioni, sono state inserite in una "gogna mediatica" tipo : "negli Ospizi Lager" ecc....come se "tutte" le Strutture fossero così, luoghi di abbandono, di inattività, di morte e così' via. Abbiamo detto e scritto tante volte, anche e soprattutto noi di Ansdipp, che i casi isolati non significano che il panorama è quello descritto in toni "oggettivi". Abbiamo testimoniato, in tutta Italia, attraverso convegni, manifestazioni, iniziative, da anni, soprattutto negli ultimi anni, decine, centinaia di esperienze, di buone prassi, di cultura dei Servizi alla Persona, di progetti meravigliosi, di Strutture all'avanguardia, di management illuminati....di percorsi di vita e di qualità dentro e fuori le nostre Strutture. Ma non hanno fatto e non fanno "notizia". Almeno non diffusamente come invece succede per qualche caso isolato o per la minoranza delle esperienze negative. Quindi anche oggi vediamo lo stesso scenario. 

Io dico invece che è una VERGOGNA, che dopo 2 mesi di sotto-valutaizoni, a livello nazionale e regionale (dappertutto, chi più chi meno), di assenze o scarsità di attenzione da parte degli organismi sanitari territoriali (tutto era concentrato sulle acuzie e sugli ospedali mentre per  le fasce più a rischio istituzionalizzate non se ne parlava) e di mancanza di Dispositivi di protezione degli Operatori delle RSA e RSD, si parli ora solo di "colpe gravi" del sistema delle RSA: la verità è che molti si sono "arrangiati" e spesso hanno fatto veri miracoli, in autonomia, con il mutuo-aiuto di Colleghi, per presidiare, arginare, organizzare l'emergenza nelle Strutture. E non dimentichiamo, in una situazione si scarsità di organici per infezione di Covid19 del personale e per le malattie dovute anche a diffuse "paure" di contagio dovute spesso all'assenza di Dispositivi di protezione. Tutto è dimostrato e dimostrabile da dati, testimonianze diffuse...lo abbiamo detto, non solo noi, ma i diretti interessati, le altre Associazioni....

Molti hanno segnalato, anche agli Organi di stampa le "lacune" delle diverse Istituzioni...non vorremmo che questo avesse un po "scatenato" reazioni anche di generalizzata "verifica ispettiva" per trovare colpe procedurali o altro in diversi ambiti regionali. Speriamo di no. 

Noi riaffermiamo quello che stiamo dicendo da anni: laddove vi è Etica, Professionalità e capacità Organizzativa (e Cultura dell'organizzazione ), unita a corretta gestione (sia dell'Ente gestore che della Direzione, nella giusta sinergia e nel rispetto delle competenze) , anche in questa emergenza, le cose sono e stanno andando "bene", pure tra mille difficoltà. 

Laddove le gestioni o il management, o la Politica invasiva, erano e sono "negative", vi sono stato i problemi e le scorrette gestioni dell'emergenza. 

A Matera, in occasione del grande Convegno internazionale, con i Colleghi Europeri di EAN, avevamo tracciato uno scenario di come era il mondo dei Servizi alla Persona e di come sarebbe stato nei prossimi decenni. Ora più che mai l'attualità della nostra linea di pensiero sulla gestione dei Servizi è illuminante. 

Chiediamo a tutti i Colleghi di continuare a seminare buone prassi, a non mollare, a non cedere di fronte ai problemi e alle contraddizioni di un mondo, attorno, che spesso parla di noi senza davvero conoscere e conoscerci. usciamo allo scoperto con le nostre idee, nei tavoli istituzionali, in tutte le occasioni possibili, per ribadire i cardini delle nostre idee, della nostra capacità di analisi e di gestione strategica e organizzativa. E' l'ora delle proposte e della messa in campo di Esperti del Settore (veri però) e se non siamo esperti noi chi lo è??

La Politica dovrebbe, con maggiore umiltà, "usufruire" del patrimonio culturale e professionale che abbiamo, al di la delle logiche di potere, di parte, di convenienza. Fateci lavorare, chiamateci, sappiamo portare competenza, per le  norme (spesso avulse dalla realtà), per l'economia e per lo sviluppo anche "imprenditoriale" che è una grande potenzialità nel nostro settore, tenuto conto dei trend di invecchiamento, attivo e passivo. 

Vorrei che le vostre testimonianze venissero inviate alla segreteria nazionale, attraverso documenti, video...per testimoniare il cuore pulsante di un sistema, quello dei Srrvizi alla persona, che lavora sodo, senza sosta e che fa vivere, non morire. E vivere con dignità e qualità i nostri assistiti, che poi sono i nostri genitori e i nostri nonni. Di tutti. 

Ringrazio ancora tutti quanti si stanno fortemente impegnando, fuori e dentro le Strutture, in un momento ancora complesso e difficile. E' l'ora delle sinergie, tra Istituzioni, tra Pubblico e Privato, tra Colleghi....non è il momento delle divisioni e delle diatribe. Ci perdono tutti. 

Se vi sono cose da analizzare, da vedere, da separare...facciamolo tutti "dopo". Adesso dobbiamo lottare per salvare vite e aiutare famiglie. Questa è la priorità. Prima i valori. 

Continuiamo con il Coordinamento nazionale e tra le regioni come Ansdipp per fornire tutto il supporto ad iscritti ma anche a tutti i Colleghi che hanno bisogno di aiuto e di confronto. Sul sito vi sono molti documenti, ogni regione ha un Referente a cui fare riferimento e la Segreteria nazionale è a disposizione per le diverse necessità. 

Grazie ancora e un caro saluto a tutti. 

 

Sergio Sgubin

Presidente Nazionale ANSDIPP 

© Copyrights 2021