(Tecnologia e Sanità) Sanità digitale, il futuro del settore sanitario?

 

In tutto il mondo il settore sanitario si trova a dover scegliere tra l’aumento dei costi di gestione e l’introduzione di un sistema digitale innovativo quanto drastico che potrebbe radicalmente a:

  • diminuzione dei costi a lungo termine della sanità
  • permettere il raggiungimento di importanti obiettivi
  • potenziare e connettere sia i pazienti e i gestori del settore tramite l’acquisizione di dati in tempo reale
  • permettere l’entrata in gioco di nuovi competitor nel settore sanitario.

Immaginiamo un modello di sanità futuro che è sempre disponibile, nonché guidato da fattori e dati costantemente raccolti dal corpo del paziente in relazione alla dieta e all’attività fisica, che si traduce in un’assistenza sanitaria personalizzata durante il corso della sua vita. Non è necessario andare in un posto fisico, ma si potrebbe avere accesso ai più grandi esperti del settore ovunque ci si trovi. L’industria sanitaria digitale è in un momento fondamentale della sua storia evolutiva. La rapida crescita del settore nel corso del 2017 ha dimostrato l’impatto che l’assistenza sanitaria digitale può avere sull’intero settore medico. Gli investimenti di venture capital in progetti relativi a questa disciplina sono aumentati fino a 5.8 miliardi di dollari raccolti solo negli Stati Uniti durante il 2017. Siamo ora entrati in quello che è potenzialmente l’anno più importante per quanto riguarda i venture capital investiti nell’ecosistema della sanità digitale: il primo quadrimestre del 2018 ha registrato investimenti pari a $1,62 miliardi, con tre mega-affari da oltre $100 milioni e sostanziose uscite.

Tra il 2011 e oggi gli investimenti nel settore sono aumentati di ben 5 volte, con numerosi investitori ricorrenti che continuano la loro attività nel campo, infatti sia il numero di investimenti che il loro volume sono in aumento costante. Più dell’80% dei venture capital investiti nel primo quadrimestre del 2018 sono andati a sei settori specifici all’interno della sanità digitale:

  • diagnosi con un finanziamento del 18%
  • monitoraggio patologie con un finanziamento del 16,7%
  • informazioni sanitarie
  • ricerca e sviluppo con un finanziamento del 13%
  • servizi on-demand con un finanziamento del 10.4%
  • amministrazione di benefit sanitari con un finanziamento del 10%.

La prima metà del 2017 ha registrato un record con oltre sette start-up finanziate tramite imponenti accordi superiori ai 100 miliardi di dollari, inclusi i due più grandi affari mai registrati nel settore della sanità digitale.
L’aumento degli investimenti nel primo quadrimestre del 2018 ha dimostrato che l’industria non ha intenzione di rallentare. Tuttavia, la questione principale rimane quella della validità di questa industria: può davvero essere il futuro della sanità? Il mercato della sanità digitale, secondo alcune analisi, si è stimato possa arrivare a superare i 350 miliardi di dollari entro il 2024, con una crescita annua del 13,5%.

Nuove tecnologie continuano a emergere nell’industria sanitaria. Secondo l’analisi di Tokens24 oltre 50 start-up che lavorano per la risoluzione di problemi del settore tramite l’implementazione della tecnologia blockchain, hanno ricevuto milioni di dollari in finanziamenti.
Alcuni campi hanno attirato più attenzione di altri, come ad esempio la genomica commerciale, ricerca e sviluppo, l’amministrazione medica, e l’analisi di dati medici. Dopotutto, la sanità digitale ha già avuto un fortissimo impatto, grazie a sostanziosi fondi raccolti nel corso degli anni che hanno permesso la ricerca e lo sviluppo di settori chiave all’interno del campo.

 

FONTE: Wired.it

in collaborazione con

Membri dell'associazione

  • Sergio Sgubin
    Presidente Nazionale ANSDIPP
  • Fabrizio Cavanna
    Vicepresidente Nazionale ANSDIPP
  • Antonio Sebastiano
    Membro Comitato di Supporto Tecnico Scientifico Ansdipp