(Flash News Terzo Settore) Terzo settore, salta il raddoppio Ires. L’imposta sul non profit torna al 12%

 

Approvato dalle commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato l’emendamento al Dl Semplificazioni sull’Ires per il terzo settore. La proposta del senatore Andrea Marcucci (Pd) è stata firmata anche dai capigruppo di Lega e M5S. In vista un riordino delle misure di favore per il settore non profit. Salta il raddoppio dell’Ires per il Terzo Settore, quell’incremento della tassazione per gli enti non profit che lo stesso governo aveva riconosciuto essere un errore inserito nella manovra. La cosiddetta «tassa sulla bontà» viene eliminata grazie a un emendamento «Dl semplificazioni» presentato dal Pd che riporta al 12% l’aliquota da applicare al terzo settore approvato dalle Commissioni Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato. Torna quindi l’agevolazione Ires sulle organizzazioni non profit.

La misura prevede il blocco del raddoppio dell’Ires deciso dalla legge di Bilancio fino al varo di un riordino complessivo per il settore con «misure di favore» compatibili con la Ue. Questa agevolazione non è cumulabile con la mini Ires per gli utili reinvestiti in beni strumentali e nuova occupazione. Gli oneri sono di 118,4 milioni nel 2019 e 157,9 milioni dal 2020. «Una grande vittoria di civiltà, un sospiro di sollievo» affermano Marcucci, e il capogruppo Dem in ottava commi Salvatore Margiotta.

in collaborazione con